Naypyidaw

NAYPYIDAW

 

Naypyidaw, che tradotto significa “la sede del re”, per anni è rimasta chiusa agli stranieri, autorizzati ad entrarvi solo su invito ufficiale da parte delle autorità. Oggi, invece, è liberamente visitabile.

La città, capitale dal 2005 al posto di Yangon, pur essendo molto vasta (circa sei volte più di New York) appare quasi completamente deserta: i turisti come gli abitanti infatti sono davvero pochi.

Si tratta di una città fondata nel mezzo del nulla, nel cuore di una zona arida e storicamente periferica del Paese, ma è comunque dotata di grattacieli, hotel di lusso, teatri, cinema, zoo, e musei.